La meditazione in risposta agli stress moderni - secondario_800x534

La meditazione in risposta agli stress moderni

La gestione dello stress non è un affare semplice, anzi il più delle volte siamo sobbarcati di impegni che ci rendono incapaci di reagire e riprendere il controllo. Riempire di impegni fino all’ultimo minuto ogni giornata non è una scelta saggia. Forse in principio potrà sembrare facile coordinare il tutto ma alla prima difficoltà il corpo e la mente andranno in tilt. Occorre riuscire a ritagliare spazi fissi, piccoli o grandi, da dedicare al recupero del sé e per concentrarsi sul bisogno di relax.

Grazie alla meditazione tutto ciò è possibile: questa antica disciplina si offre come valido supporto nella ricerca della tranquillità mentale, consentendo di ottenere un incremento della creatività e dell’autostima oltre a un surplus di benessere psico fisico. Molto spesso si pensa a una simile attività come a qualcosa di complesso e dispendioso in termini di tempo, ma non è così. Parlando di meditazione la mente corre alla classica posizione del loto, un’immagine che cala fin da subito la persona in un’atmosfera armonica. Basta ricavare 15-20 minuti di tempo libero al giorno, trovare un luogo silenzioso in cui stare comodamente seduti e chiudere gli occhi. Per schiarire la psiche e ritrovare il personale equilibrio lontano da impegni di lavoro, incombenze di famiglia e problematiche di tipo economico la meditazione è un vero toccasana. Va ad agire sulle aree cerebrali che controllano lo stress.

Come sfruttare i benefici dell’olio di CBD nella meditazione

Riuscire a dominare le sensazioni legate allo stress non è facile, né è sempre possibile fare riferimento a un’unica ricetta vincente in questo senso. La cosa più giusta è unire diverse strategie, per trarne risultati migliori e di maggiore durata. Naturalmente la meditazione deve essere presa seriamente e occorre dedicarsi ad essa con impegno e costanza. Non bisogna lasciarsi travolgere dalla pigrizia, occorre sforzarsi e concentrarsi per innescare quel meccanismo utile a riordinare i pensieri. L’aggiunta di CBD in questi casi può rivelarsi molto interessante: il cannabidiolo, infatti, è una sostanza non psicoattiva presente nella cannabis che – interagendo con il nostro sistema endocannabinoide – può rilassare i muscoli e la mente, allentando la tensione. Si tratta di proprietà molto interessanti, che rendono l’olio di CBD utile anche in caso di disturbi del sonno come insonnia e risvegli frequenti in piena notte. La meditazione e il CBD sembrano dunque perfettamente in grado di aiutare a contrastare gli stati di stress, ecco perché scegliere di unire queste due strategie sembra davvero la soluzione migliore per vivere la quotidianità in modo più appagante.

Le regole per immergersi in un’atmosfera armonica e rilassata

Le origini della meditazione sono davvero antichissime e risalgono al V secolo a.C., quando si diffuse il buddismo. Da quest’epoca in poi, le culture in tutto il mondo scoprirono questa disciplina meravigliosa e iniziarono a praticarla per organizzare la vita e i pensieri. Non servono sforzi di concentrazione eccessivi per immergersi in un’atmosfera di armonia e relax: occorre fare il vuoto nella mente, ‘osservando’ con distacco i pensieri di tutti i giorni che bussano alla nostra porta ma senza successo. Con la meditazione si configura un vero e proprio addestramento che consente di focalizzarsi sul sé, sul respiro o su una certa immagine. Da quello esterno ci si sposta su un piano interiore, lasciando da parte i ‘cattivi’ pensieri stressanti: bollette, lavoro, scadenze. L’obiettivo finale è sempre quello di prendere coscienza di tutti questi elementi che ci turbano o spaventano, imparando a reagire verso di essi con una diversa e ridotta intensità. I benefici che può offrire la meditazione in abbinamento con l’assunzione di olio di CBD sono davvero moltissimi e consistenti. Occorre dedicarsi a questa attività regolarmente e ogni giorno: i momenti migliori sono l’alba oppure la sera, prima di coricarsi.