Sonno difficile e irregolare: dormire bene grazie all’olio di CBD

Il corretto riposo è un elemento essenziale della routine quotidiana, che può contribuire a rilassare la mente e predisporla – giorno dopo giorno – a essere più ricettiva e fresca. La società moderna purtroppo favorisce i momenti di stress, che si legano il più delle volte a un uso smodato degli schermi di pc, tablet e smartphone. Teniamo vicino e utilizziamo i dispositivi elettronici fino a un attimo prima di spegnere l’abat jour in camera: la luce blu che essi emettono va a influire negativamente sul meccanismo di veglia-sonno, alterando gli equilibri del ritmo circadiano. Gli occhi si affaticano, insorge la spossatezza e spesso l’emicrania complica la vita.

Occorre riuscire a scacciare tutti questi elementi negativi e il modo migliore per farlo è immergersi in un sonno ristoratore. Non tutti però sono fortunati e riescono subito ad addormentarsi profondamente, senza difficoltà. Il motivo è presto detto: dopo le giornate frenetiche che passano tra gli impegni di lavoro, le incombenze di famiglia e i momenti di socialità riuscire a prendere sonno può risultare molto arduo. Quella del sonno irregolare, con i fastidiosi risvegli frequenti in piena notte, è una problematica diffusa e trasversale che si lega a doppio filo con il disturbo dell’insonnia. Si trovano molti prodotti che promettono di migliorare il sonno, ma la maggior parte di essi contiene sostanze chimiche che possono scatenare effetti collaterali indesiderati con ricadute importanti sulle attività di routine (certi sonniferi finiscono ad esempio per favorire momenti di sonnolenza incontrollata). Fortunatamente le persone che soffrono di disturbi del sonno, in certi casi anche dovuti agli effetti del jet lag, possono contare su un rimedio naturale efficace come l’olio di CBD che può essere acquistato comodamente sul sito puracbd.it. Quest’ultimo è infatti in grado di bilanciare il ciclo del sonno, consentendo di recuperare ore di sano riposo che sembravano perdute (e che invece sono essenziali).

Le regole per assumere l’olio di CBD e come agisce

Per assicurarsi un sonno sano e ristoratore l’ideale è procedere con l’assunzione per via sublinguale di 3 gocce di olio di CBD alla sera. Naturalmente il dosaggio è soggettivo e il consiglio è sempre quello di iniziare con piccole quantità: occorre osservare la reazione del corpo ed eventualmente agire poi sul numero delle gocce. Indicativamente dovrete monitorare i risultati della prima settimana di utilizzo, meglio se annotando gli effetti su corpo e psiche. Diversamente da quanto fanno altri prodotti, l’olio di CBD non si comporta come un sedativo. Il cannabidiolo è una sostanza psico-inattiva, che scongiura gli attacchi d’ansia e aiuta il relax dell’organismo. Oltre a questo, è anche in grado di migliorare la fase di veglia durante il giorno determinando nel complesso un rendimento migliore delle varie attività. L’interazione che si verifica è piuttosto complessa ed è dovuta in parte al nostro sistema endocannabinoide. Agendo sui recettori di quest’ultimo, il CBD va a stimolare la sonnolenza senza alcun effetto euforico o psicotropo.

Come evitare i fastidiosi risvegli notturni

Utilizzare l’olio di CBD assieme alla melatonina si rivelerà una scelta intelligente visto che queste sostanze potranno regalare un sonno strutturato, evitando i risvegli notturni. Il ciclo del sonno diventerà più profondo e il riposo sarà di qualità superiore. Inoltre, grazie alle riconosciute proprietà antidolorifiche dell’olio di CBD, quest’ultimo potrà facilitare il sonno anche di quelle persone che soffrono di dolori di tipo cronico (le quali dunque hanno delle difficoltà legate a un problema che è più fisico che emotivo o connesso a stress esterni). Il miglioramento del sonno si lega anche a un completo rilassamento muscolare. E’ infine possibile riuscire a regolare il ritmo della respirazione, specie quando risulta alterato per esempio in caso di stress post-traumatico.