Quanti sono i rami della psicologia?

La salute mentale è un tassello importante per il benessere quotidiano di ogni persona. Stare bene con sé stessi e con il mondo è infatti essenziale per contribuire non solo alla propria crescita personale ma anche alla serenità della società in cui si vive. In occasione della Giornata Mondiale della Sanità 2023 sono stati diffusi i dati sugli assistiti nel 2022 dagli psicologi del sistema sanitario e ci dicono che in Italia nel 2022 oltre 776mila persone hanno richiesto una prestazione psicologica, con un’età media di 45 anni, in linea con l’innalzamento dell’età media nel nostro paese. Queste informazioni ci dicono che sono oltre 150 persone ogni 10.000 abitanti a chiedere assistenza psicologica e che il numero è destinato a salire perchè sono sempre più diffuse le patologie legate alla psiche tra i giovani e i giovanissimi, a seguito soprattutto della pandemia.

Il ruolo dello psicologo diventa dunque cruciale per la salute pubblica e ci sarà sempre più bisogno di persone specializzate per far fronte alle diverse esigenze. La psicologia è infatti una materia molto vasta e si divide in diverse branche, ognuna incentrata sullo studio, la diagnosi e il trattamento di specifici disturbi, in base all’età, al contesto e al tipo di patologia. Per chi sta pensando di iscriversi alla facoltà di psicologia o continuare la specializzazione in queste materie è dunque importante conoscere quali e quanti sono i rami della psicologia. Li abbiamo raccolti in questo articolo.

Psicologia sociale

 La psicologia sociale ha una funzione molto importante nella gestione di situazioni collegate a tematiche quali il razzismo, la discriminazione e il conformismo. Serve infatti a stabilire anche come i pensieri, le emozioni e i sentimenti degli individui siano influenzati dalla presenza e dal contatto con gli altri.
Lavorano dunque in contesti come centri di accoglienza, scuole e centri culturali, in cui è fondamentale affiancare e aiutare persone che vengono da altri paesi e gli operatori che se ne prendono cura.

Psicologo di comunità

 Lo psicologo di comunità lavora principalmente nei contesti socioculturali, economici e territoriali in cui si manifestano dei problemi psicologici generati dalla situazione della comunità stessa. Si pensi ad esempio alle piccole comunità linguistiche e culturali o anche a situazioni più piccole, in cui è necessario promuovere la voglia di riscatto e di ripresa delle persone.

Psicologo dell’emergenza

 Figura che è emersa molto durante il contesto pandemico, lo psicologo dell’emergenza lavora proprio sul disturbo post traumatico da stress, che spesso si manifesta nelle persone che sono state coinvolte in situazioni traumatiche collegate ad ambienti familiari o a contesti lavorativi.  Ha un ruolo molto importante anche a livello preventivo, perché prepara i pazienti ad affrontare le situazioni traumatiche della vita ed è proprio in questa chiave che sono nati negli ultimi anni gli psicologi di famiglia e le agevolazioni fiscali per le sedute di psicoterapia. Nell’ultimo aggiornamento del MEF per il 2024 sono stati stanziati 8 miliardi di euro per il bonus psicologo, 3 in più rispetto al 2023, proprio per far fronte alle tante richieste di aiuto legate anche a traumi di questo tipo.

Psicologia dello sport

Una branca molto particolare della psicologia è la psicologia dello sport che indaga i processi cognitivi, emotivi e del comportamento collegati alle prestazioni sportive dei singoli atleti o delle squadre. A seguito dei numerosi scandali in vari sport a livello mondiale, la sua figura è sempre più richiesta, perché è indispensabile per preparare mentalmente gli atleti alla competizione e per riscontrare con anticipo eventuali problematiche connesse alla salute mentale all’interno del contesto sportivo o al di fuori.
La psicologia dello sport è inoltre molto efficace anche per lo sviluppo e la gestione delle dinamiche di gruppo.

Psicologia giuridica e forense

 La psicologia giuridica e forense, erroneamente confusa con la criminologia, si occupa di studiare tutti i comportamenti, i processi mentali, emozionali ed emotivi relativi all’amministrazione e all’applicazione della giustizia. Lo psicologo forense entra in contatto con testimoni, imputati e legali e partecipa alle indagini fornendo i risultati delle proprie perizie. Lo psicologo forense può inoltre anche occuparsi di ricerca in ambito legale, analizzando i casi studio e creando prassi che possono essere utili in ambito processuale. Chi desidera approfondire queste tematiche legate alla diagnosi su patologie legate alla personalità dopo la laurea può pensare a un percorso di un master sulla psicodiagnostica da poter svolgere sia negli atenei tradizionali che online con le università telematiche come Unicusano. È un’opportunità per specializzarsi in un settore che è sempre in evoluzione e che richiede competenze specifiche e molto ricercate.

Psicologia dell’età evolutiva

 Una branca molto delicata ma assolutamente utile soprattutto per le generazioni future è la psicologia dell’età evolutiva che si occupa di tutti i processi legati alla formazione e allo sviluppo mentale ed emotivo dei bambini e degli adolescenti. Le problematiche al centro della sua indagine sono legate alla disabilità, ai disturbi dell’apprendimento, a problemi connessi all’attenzione o all’iper attività. Lo psicologo che si specializzata in questo ramo lavora a supporto delle scuole e delle istituzioni, fornendo servizi di consulenza a docenti e genitori e intervenendo direttamente sui pazienti con terapie e percorsi specifici.